Un caso di Bulimia

TH8, San Yang Luo

A partire dal nome alcuni autori hanno pensato che TH8 abbia la funzione di legare i tre meridiani Yang del braccio: il Luo del LI arriva alla bocca e ai denti; il Luo del  SI va alla spalla (LI15) e il Luo del TH passa per la gola. Ecco perché TH8 tratta la bocca, i denti, il dolore alla spalla la voce e il dolore al petto. In verità noi pensiamo che, dal momento che molti punti del TH (se non tutti) hanno la funzione di far comunicare i tre San jiao, il nome del punto San (Tre), Yang Luo si riferisca alla sua funzione di fare comunicare (Luo, il SJS con SJM e il SJI. Questa comunicazione favorisce sia l’assorbimento del puro che l’eliminazione dell’impuro. Infatti questo punto si usa anche per eliminare le tossine del sangue che attaccano ii rivestimento mielinico dei nervi: come  le nevriti tossiche. Facendo comunicare i tre SJ favorisce la discesa dell’impuro ed evita che questi risalga verso la testa e gli orifizi. Secondo noi da qui viene la sua capacità di aprire gli orifizi e ecco perché tra i sintomi descritti nei classici troviamo simbolicamente deficit dell’udito, perdita della voce, del gusto e dell’olfatto. Si tratta della alterazione della percezione della realtà anche e soprattutto a livello psichico più che fisico.

 

 

GB21, Jian Jing

 

Anche GB21 si dice che apra gli orifizi. Secondo noi il meccanismo è un po’ diverso. GB21 tratta la funzione del Polmone di abbassare verso l’interno lo Yang (Wei Qi) che scende all’interno ai Visceri stimolando la loro funzione di assorbimento per nutrire i 5 organi mentre ST12, sempre secondo noi, sembra che  abbassi  lo Yang-Wei Qi verso l’interno per attivare la funzione di eliminazione dei visceri. (per visceri intendiamo le “5 terre del Polmone”: LI, SI, BL, Dai Mai-Bao, SJI)

Se GB21 non abbassa lo Yang vi è il cosiddetto “rimbalzo” verso la testa e gli orifizi.

I Tan si accumulano sia quando i Visceri non eliminano sia quando non assorbono. Ecco perché GB21 libera il corpo dai Tan specialmente nelle ghiandole endocrine come le ovaie (cisti).

 

ST42, Chong Yang

Questo punto ha la funzione di tonificare il Qi di Stomaco nella funzione di assorbire i liquidi Jin chiari (Yang puro di Milza) che poi salgono alla testa per garantire la nutrizione degli orifizi e del Cervello.

Si usa nelle paralisi del  nervo facciale.

ST42 è un punto del Chong Mai (tutti i punti che contengono nel nome l’ideogramma Chong sono in qualche modo in relazione con il Chong Mai) infatti il ramo secondario del Chong Mai che scende da ST30 arriva a ST42 e poi passa a LR3 (Tai Chong) e KI 1 (nome secondario Di Chong). Insieme a TH8 tratta il decadimento delle ossa e la perdita dei denti ma credo che anche questi sintomi siano simbolici.

 

 

 

Sepolta in casa

G.D. donna di 52 anni.

Motivo della consultazione

Da circa dieci mesi vampate di calore mattutine, (durante le ore di attività lavorativa), durano pochi minuti, si presentano con intenso calore e rossore al volto e al collo, seguite da sudorazione profusa. Alterazioni dei cicli mestruali, amenorrea da quattro mesi.

Altri sintomi

Irritabilità.

Episodi di cefalea accompagnati da sintomi neurovegetativi.

Cefalea muscolo-tensiva dall’età di vent’anni, nella sua famiglia numerosi cefalalgici.

Menarca a 13 anni, cicli regolari, da ragazza dismenorrea il primo giorno di mestruazione scomparsa dopo il primo parto; due gravidanze portate a termine, entrambi parti cesarei, emorragia post-partum alla nascita della prima bambina. Allattamento naturale.

Ernia discale L5-S1, spesso presenta lombosciatalgia dx>sx. Frequenti crampi muscolari agli arti inferiori.

Ipotensione arteriosa.

Miopia e cataratta bilaterale.

Cellulite specie ai fianchi e ai glutei.

Emorroidi. Alvo regolare.

Sapore preferito: dolce; colore: giallo.

Non riferisce insonnia, né disturbi del sonno. Sogna a colori, un sogno ricorrente è la casa della madre, nella quale lei si ritrova da bambina, in feste o riunioni familiari.

Si presenta allegra, dice di non aver  mai avuto una grande forza di volontà nel portare a termine le attività iniziate, si sente insicura, è l’unica dei quattro figli a non aver concluso gli studi universitari.

Tende ad accumulare a casa tanta roba, utensili antichi, vestiti che non usa più, non riesce mai a buttare nulla, tutto per lei è un ricordo e ha un valore.

Mi fa notare che ha numerosi lipomi, localizzati tra GB3 e GB4, a livello di BL23, tra PC2 e PC3 e  sul meridiano dello ST a livello di ST32 e mi chiede se si può fare qualcosa per ridurli di volume.

Diagnosi: 

  • Turba della coppia di meridiani curiosi Dai Mai-Yang Wei Mai

Terapia:

  • Prima seduta GB41-TH5, cui aggiungo GB20 e GV 20 per la cefalea, KI6.

Andamento clinico

Per una settimana ha cefalea intensa quasi tutti i giorni associata anche ad episodi di vomito, meno vampate di calore.

Ripeto la seduta gli stessi punti e aggiungo LR 5 (molto dolente alla palpazione), per l’azione di nutrire il Dai Mai.

Risultato: vampate di calore scomparse quasi del tutto, non più cefalea, ridotti i crampi muscolari. Faccio altre due sedute, mi chiama e mi riferisce che ha avuto dei dolori nelle sedi dei lipomi e che si sono ridotti di volume,  altro dato G. finalmente ha cominciato a buttar via sacchi di vestiti vecchi e dismessi, conservati a casa della madre che da qualche anno è deceduta ….

Dopo circa un mese, torna per crisi emorroidaria: terapia GB41-LR5- GB26-27-GV20, migliora immediatamente la sintomatologia, torna il ciclo che dura quasi dieci giorni…continua a non avere vampate di calore e cefalea, ha iniziato la dieta dimagrante.

 Discussione:

Ho utilizzato la coppia Dai Mai-Yang Wei Mai nella funzione di regolazione con i punti chiave accoppiati, sia per i sintomi descritti ovvero vampate di calore diurne, cefalea, insicurezza, sia perché G. ha delle caratteristiche Dai Mai (cellulite ai glutei, insicurezza, tendenza ad accumulare tutto). Ho aggiunto 20 GB Feng Chi-stagno del vento e 20 VG per la cefalea e KI6-zhao hai, mare dell’illuminazione, per l’azione simbolica di “fermarsi a guardare e prendere coscienza di quanto ingerito”e nel periodo climaterico, momento di passaggio, penso sia importante far luce per seguire il proprio Ming (progetto di vita). Dopo la prima seduta, l’insorgenza di cefalea costante, mi ha fatto pensare che avevo mobilizzato solo energia e non sangue, per questo ho punto il Luo del fegato, LR 5, per la sua azione di portare energia nutritiva al Dai Mai, ed è stato efficace,  G. non ha più presentato sintomi climaterici e, dato entusiasmante, ha avuto una riduzione dei lipomi e ha iniziato a buttar via roba vecchia.

D.ssa Floriana Di Bella

Palermo

Info: florianadibella@libero.it

 

Una stipsi che parla nel sonno

Ragazza di 18 anni
Motivo della consultazione
Stipsi iniziata alla pubertà.
Ha provato a modificare la dieta ma senza alcun risultato: si cura quotidianamente con rimedi di erboristeria.
La stipsi è fissa e migliora solo nel periodo mestruale.
Flusso mestruale scarso della durata di un giorno caratterizzato da dolore pelvico irradiato nella zona lombo-sacrale. Il dolore migliora col caldo e il massaggio locale.
Diagnosi
Ristagno di Qi nella pelvi
(Il calore e il massaggio locale mettono in movimento e di conseguenza migliorano il dolore da ristagno)

Terapia
Qi Xue (KI13)
(Ki 13 è il punto specifico della stipsi che migliora con il flusso)
Andamento clinico
La pz migliora subito per 3 giorni dopo la seduta ma poi tutto torna come prima.
Dopo la seconda seduta succede la stessa cosa.
Quando ci troviamo di fronte a questa situazione significa che la diagnosi di Ristagno di Qi alla pelvi è giusta ma è secondaria a qualcos’altro, in questo caso, alla non abbassamento del Qi dal Polmone. Nella paziente, però, non ho rilevato alcun segno di Polmone.
Aggiungo alla terapia il punto LI15 che, secondo noi, attiva la funzione del Polmone di abbassamento del Qi che arriva a livello pelvico per attivare la funzione di eliminazione dei visceri in particolare dell’utero (si usa per esempio nella endometriosi che è causata da un difetto di eliminazione del sangue mestruale secondario al vuoto di Qi di Polmone). Nulla di fatto, la stipsi non si modifica: migliora per due giorni poi riprende.
Anche se non ci sono altri sintomi del Dai Mai ( oltre la stipsi) come insonnia, irritabilità, mani calde e piedi freddi, leucorrea, frequenti storte alle caviglie, insonnia, irritabilità, ecc, provo a pungere GB41, GB26, GB28. Infatti un ristagno pelvico sia di Qi che di Xue potrebbe essere anche secondario ad un deficit della funzione di eliminazione del Dai Mai. Nulla di fatto, neanche il miglioramento abituale dopo la seduta di agopuntura.
Alla 5° seduta la mamma della ragazza mi racconta che la notte ha dormito poco perché la figlia ha il “vizio” di parlare durante il sonno. Ecco che appare il Polmone. Questo sintomo, ancora fresco del seminario sui sogni (che potrete ancora ascoltare registrandovi nell’icona del lato destro della schermata del blog), mi fa saltare in mente il punto Tian Fu, LU3.
Terapia
Tian Fu (LU3)
Andamento clinico
Ad un mese di distanza la stipsi sembra risolta.
Non ha parlato più durante il sonno.
Il flusso è stato normale, senza dolore ed è durato quattro giorni.
Discussione
Prima di tutto il caso clinico (la clinica è la prima maestra!) come tanti altri ci insegna che il punto unico ha una sua efficacia propria alla faccia di chi afferma che il punto da solo non funziona e non ha nessun significato se non accoppiato ad altri punti.
Poi ci insegna che LU3, oltre alla nota funzione di “Finestra del Cielo”, ha la funzione di attivare la funzione di abbassamento del Qi Polmone (Wei Qi) affinché i visceri possano eliminare. Nei sintomi descritti nei classici (vedi “Dictionnaire des points d’acupuncture” di G. Guillaume e M. Chieu) nel punto LU3 troviamo solo sintomi riferiti alla testa, agli orifizi, al collo e al petto: asma, tosse, vertigini, ictus, ageusia turbe della vista, edema della gola, epistassi, lacrime abbondanti . S. d. Morant aggiunge che “il paziente è posseduto dai demoni, parla da solo o non parla più” Nessun sintomo riferito all’addome né sintomi pelvici o agli arti inferiori.
Allora vediamo se nel nome del punto riusciamo a scoprire qualcosa. Infatti molto originale mi è sembrata l’affermazione che il dr. Gilles Andres e il dr. Michel Vinogradoff, nel recente congresso della SIA (Società Italiana di Agopuntura) di Milano, quando hanno detto che molte volte se un concetto è espressa nel nome del punto, spesso non troviamo niente nella sintomatologia descritta dai classici. Facevano l’esempio dei punti Ben Shen dove nei nomi troviamo gli ideogrammi dei vari Shen mentre nella sintomatologia solo sintomi fisici.

Il nome Tian Fu
Il punto LU3, Tian Fu è uno dei punti “Finestra del cielo” citati nel cap. 2 e 21 del Ling Shu. Spesso usato nelle depressioni come consigliato dal dr. Italo Sabelli in una relazione al congresso della SIA di alcuni anni fa.
Tian (R.4938) fa riferimento al Cielo e quindi alla testa (Cielo dell’uomo) e agli orifizi, ma anche al Polmone che viene chiamato “Cielo dei visceri”1. Come punto “Finestra del Cielo” ha un’azione sugli organi di senso, in particolare nel regolare gli occhi ed è usato per lacrimazione eccessiva emozionale2, tristezza, pianto facile, vertigini.
Fu (R.1618) viene tradotto come “palazzo” imperiale, deposito di oggetti preziosi, per cui possiamo dedurre, come già detto, una sua azione sulle turbe degli occhi come lacrimazione emotiva quindi in relazione a turbe del Cuore (che risiede nel palazzo imperiale).
Se, però, al termine Fu 府 aggiungiamo il radicale di carne abbiamo il seguente ideogramma 腑 che si usa per indicare il viscere organico, come nella coppia Zang Fu. Sempre in ideogramma esprime un concetto, una funzione ,a se aggiungiamo l’ideogramma di “carne” davanti allora si riferisce al pezzo anatomico. (La stessa cosa la possiamo evidenziare nell’ideogramma di Bao , busta (R.3823) 包 che indica una relazione con le funzioni del Bao Mai come Da Bao (SP21) o Yin Bao (LR9) mentre se aggiungiamo il radicale di “carne” abbiamo 胞 (R.3834) che si traduce come Utero e lo troviamo nei punti Bao Huang, BL53, Niao Bao, CV2.
L’ideogramma Fu di Tian Fu, allora, non si riferisce ad un viscere anatomico in particolare ma alle loro funzioni e cioè di assorbimento e di eliminazione. Secondo la SIdA in questo caso alla funzione di eliminazione.
Si può pensare che il termine Fu (senza radicale di carne) che troviamo nel punto Tian Fu faccia riferimento alla funzione dei visceri per cui possiamo tradurre Tian Fu come “Cielo dei Visceri” con chiaro riferimento all’attributo del Polmone come “Cielo dei visceri”. Visceri che dialetticamente rappresentano la Terra.
La scuola della Gastroenterologia per la relazione Cielo –Terra , tra il Polmone e i Visceri, usa:
-Per la funzione di abbassamento del Polmone (Cielo) si usa il punto, Lie Que, LU7
-Per la funzione di afferrare dei 5 visceri (Terra) il punto Di Wu Hui, (riunione delle 5 terre) GB42.
(I 5 visceri pensiamo che siano: Grosso Intestino, Piccolo Intestino, San Jiao Inferiore, Vescica urinaria, Utero-Dai Mai3)
Un altro caso clinico che , non vi preoccupate non racconto, di una donna di 42 anni che è venuta per amenorrea da sei mesi per menopausa precoce (FSH = 92) in cui il flusso mestruale è tornato nella norma la puntura del punto Tian Fu che ho punto perché non trovavo altri sintomi se non il suo parlare nel sonno.
Alla luce di questa ipotesi il punto Tian Fu potrebbe essere usato molto più spesso di quanto stiamo facendo. Liberiamolo dalla sua condanna ad essere solo un punto “Finestra del Cielo”!
Sono gradite eventuali osservazioni in merito.
Dr. Dante De Berardinis

Un gonfiore del collo

Un signora di 60 anni, si presenta da me per la prima volta per un dolore alla spalla destra, iniziato un mese fa e che è aumentato progressivamente. Tutti i movimenti sono dolorosi, in particolare l’abduzione e l’irradiazione è sul meridiano di SI e LU. Il fisiatra ha eseguito due infiltrazioni: bene dopo la prima mentre, dopo la seconda, il dolore si aggrava e compare anche di notte impedendole di dormire.

In terapia antipertensiva, da 10 anni circa, dopo la menopausa; 3 anni fa ha perso circa 10 kg in seguito a una salmonellosi particolarmente aggressiva, non si è mai del tutto ristabilita; 15 giorni fa una labirintite acuta, guarita in breve con Torecan. Non rilevo niente di significativo se non che è una persona freddolosa, poco espansiva e anche fisicamente appare chiusa.

Diagnosi :

·        Spalla dolorosa da interessamento del meridiano tendino-muscolare del Piccolo Intestino

Terapia

Trattamento del meridiano Tendino-Muscolare del Piccolo Intestino con i punti:

·        SI1 controlaterale (sx)

·        SI17 omolaterale (in quanto sede di irradiazione del dolore e dolente alla pressione)

·        BL27 bilaterali (Shu del dorso del Piccolo Intestino in quando il dolore non è recente)

·        LU2 omolaterale (perché molto dolente, punto Ashi)

·        ST38 controlaterale (secondo le indicazioni della MTC e i recenti appunti di J.Y. che lo indica come punto per eliminare il calore dalla spalla).

 

Andamento clinico

Mi chiama allarmata il giorno dopo per la comparsa di un gonfiore nel collo. Allarmata anch’io la ricevo subito, sperando di non aver provocato un ematoma nel collo e trovo quella che sembra una grossa cisti tiroidea, stesso lato della spalla, di circa cm 4 di diametro. Le dico di sospendere la terapia con agopuntura e la mando a fare un’ecografia del collo che conferma la cisti alla tiroide. La chiamo dopo un po’ di tempo e scopro che la cisti è stata aspirata e quindi si trattava proprio di una cisti. Per quanto riguarda la spalla, ha fatto un ciclo di ultrasuoni e non ha più dolore. Forse qualcosa alla spalla si è mosso con l’agopuntura perché non ho mai visto gli ultrasuoni efficaci in casi simili, comunque non so cosa si sia mosso, né come. Ma soprattutto perché l’insorgenza della cisti dopo il trattamento?

 

Caso clinico della d.ssa Giulia Borney

Via della Roggia, 4

Rapallo (GE)

Tel. 328 3896806

 

Discussione e mie ipotesi (Dante)

Come possibile spiegazione del caso clinico vorrei riportare due brani tratti da una lezione di Jefferey Yuen:

“Il Piccolo Intestino è responsabile per la detossificazione. E’ il luogo dove si trasformano le tossine in modo da renderle solubili in acqua e possono essere eliminate come urine, sudore e tonsille. Tiene queste tossine in movimento e tenta di espellerle”.

“Il Piccolo Intestino è la modalità con cui il corpo si libera della Xie Qi espellendola  fuori  dal torace.

Quando il Piccolo Intestino espelle la Xie Qi  fuori dagli organi questa passa attraverso la Vescica e si manifesta con sangue nelle urine (cistite emorragica)”.

 

Secondo me la Xie Qi penetrata a livello del Piccolo Intestino (salmonellosi) è stata “sbarcata” sul meridiano principale dello stesso viscere (facendo il percorso inverso della penetrazione) e si è manifestata come spalla dolorosa.

In pratica con il trattamento del meridiano tendino-muscolare del Piccolo Intestino si è tentato di espellere il fattore patogeno dalla spalla. Il problema è insorto perché, in questo caso, la Xie viene dal viscere e non dall’esterno per cui la struttura energetica interessata era, probabilmente,  il MD del Piccolo Intestino e non il MTM.

Dal momento che, come dice JY,  il Piccolo Intestino cerca di espellere la Xie dal torace in fase liquida, questa si è raccolta a livello del collo con la formazione di una cisti. Poteva manifestarsi anche come tonsillite.

(Il problema dell’eliminazione attraverso la Vescica riguarda invece l’espulsione della Xie Qi dagli Organi come ad esempio nelle cistiti ricorrenti da stress o altre cause psichiche).

La vertigine  potrebbe essere un espressione della salita della Xie Qi lungo il MP verso la testa.

La puntura della Finestra del Cielo, SI17, ha bloccato la salita a livello del collo.

Mi faccio una domanda: perché la spalla e non un altro tratto del meridiano?

La spalla è in stretta relazione con il Piccolo Intestino, “è il guardiano” della realizzazione del progetto di vita (Ming) portato avanti dal Cuore.

Ci sono un gruppo di punti nella regione scapolare, SI9- SI14, che stanno intorno alle scapole, sono punti per farci raggiungere l’esterno, il mondo.

L’impressione della paziente “chiusa” potrebbe far riferimento a questa azione del Viscere.

Di tutte le funzioni del Piccolo Intestino parleremo   venerdì 12 ottobre nel prossimo incontro degli iscritti al Blog sui casi clinici.

Sangue di donna

Una paziente racconta cosa è successo durante una seduta di agopuntura.

 

Alba Adriatica, 04/11/2009

 

…All’improvviso è iniziato a salire dalla pancia un calore, una forza, un’energia fino alla gola, come un’onda… il cuore palpitava, ero disorientata… questa forza prendeva il sopravvento, mi procurava spasmi alla gola e mi faceva contrarre il corpo… ero spaventata, confusa e arrabbiata perché mi ritrovavo di nuovo a combattere con quel “mostro” (il panico) che pensavo di aver sconfitto… Non sapevo gestire quei momenti… “gli esercizi” non funzionavano… volevo che mi toglieste gli aghi per non soffrire ancora… Poi ho provato a distrarmi, a “buttare” gli occhi fuori di me e momenti di quiete si alternavano alle “ondate”… Non mi riuscivo a rilassare… avrei dovuto ricordare che in “quegli attimi” più provi a rilassarti e più non ci riesci… Ho continuato a resistere dandovi fiducia fino a quando le carezze sulla pancia di… (massaggiatrice Tuina)  scorrevano come un fiume “in piena” di sensazioni, ricordi, tristezza, dolore, sofferenze…il mio cuore piangeva… Ero stanca, stanca di soffrire, stanca di stare male, di provare quelle sensazioni e di combattere le “ondate”… Ho pianto come una bambina… sentivo freddo… sempre di più e agli spasmi si accompagnavano brividi in tutto il corpo… Ero infastidita dal cambio degli aghi…(poi spiegherò quali punti avevo cambiato) non volevo essere sotto il controllo di qualcosa che non potevo controllare… Poi ho sentito aprirsi una porta dentro la pancia in cui entrava calore…(avevo trattato il Bao Mai) In quel momento volevo guardare in faccia quel “mostro”… Non ne avevo più paura… i brividi si cominciavano a sciogliere… sentivo meno freddo…Ho pianto di liberazione. Avevo ancora gli spasmi… ma come se fossero ultimi sussulti, strascichi, piccole onde dopo la “tempesta”… Desideravo chiudere gli occhi e dormire un po’… Non mi sentivo di guidare per tornare a casa, avrei voluto che mi venisse a prendere mio marito, ma forse lui non avrebbe capito quel mio stato d’animo, questa esperienza, questa prova… Ho pensato fosse meglio spiegare tutto a casa con calma… lui è scettico nei confronti di ciò che non conosce… Sono uscita dallo studio disorientata, con la testa leggera… con le mani impacciate, con i sensi intorpiditi… Ho telefonato ad un’amica, nonostante continuassero le piccole “ondate”… a un certo punto sembravano aumentare, ho interrotto la telefonata, volevo solo andare a casa… Come ho visto mio marito, l’ho abbracciato e ho pianto di nuovo… Naturalmente non capiva e si preoccupava, ho provato a spiegare e raccontare… mentre continuavo ad avere ancora freddo e a ingoiare per i piccoli spasmi… Lui si è preoccupato maggiormente, pensando che non si può uscire da uno studio medico in uno stato peggiore di come si è entrati… Ho preferito preparare la cena e tornare alla quotidianità, mi sono calmata, riscaldata, gli ho parlato con più chiarezza e ci siamo fatti un po’ di coccole…

A tavola non avevo appetito, però ho mangiato per non farlo preoccupare (io non salto mai un pasto!)… avevo nausea, indolenzimento allo stomaco, il sapore amaro in bocca… ancora qualche piccolo spasmo e bisogno di ingoiare e poi una sensazione strana nel basso ventre, degli spasmi anche lì… Mi sentivo come se mi fosse passato qualcosa addosso… spossata, disorientata, stanca, assonnata… un po’ malinconica… Ora mentre scrivo ho solo voglia di riposare, di addormentarmi nel mio dolce nido!

                                        Buona notte!

 

P.S. Mi è tornato l’appetito con la torta di mele che ho preparato stamattina!

 

La pz mi aveva consultato perché affetta da endometriosi che durava da 5 anni e, per tale motivo, aveva già subito un intervento chirurgico due anni prima.

Riferiva dolori mestruali violenti, lombalgia, palpitazioni, pregressi episodi di attacchi di panico (circa 6 anni fa).

Nella prima seduta avevo punto:

  • Li 15
  • Lr 5
  • CV 7
  • Ki 14

L’endometriosi energeticamente può essere causata da un blocco da parte del fegato (Lr 5) della funzione di abbassare la Wei Qi (Li 15) da parte del polmone per eliminare il sangue impuro del flusso mestruale da parte dell’utero (Ki 14) e del San Jiao Inferiore (CV7).

 

Durante la prima seduta si era sentita un po’ agitata ma poi tutto è passato ed è tornata a casa tranquilla.

Nella settimana ha riavuto il flusso mestruale senza nessun dolore , meglio anche la lombalgia.

 

Durante la seconda seduta, dopo 10 minuti dalla inserzione degli aghi,  è successo quello di cui sopra.

 

Quando la pz ha cominciato a piangere e voleva andare via ho aggiunto i punti per sbloccare il diaframma : GV 9, GB 22. Ma la pz continuava a piangere e ad essere agitata con il nodo alla gola e la dispnea. Evidentemente non era colpa del diaframma!

Ho tolto tutti  gli aghi  e poi dopo un massaggio attorno all’ombellico per valutare l’interesamento di Zong Jin ho trattato con gli aghi  lo Zong Ijn (St 10 e St 11) e poi il Dai Mai con i punti : GB 41, GB 26, Sp 21(Da Bao).

Poco dopo la inserzione di questi punti e il massaggio (“carezze sulla pancia”) la pz continuava a piangere ma di gioia per aver potuto guardare senza paura il “mostro”.

 

Discussione

 

L’endometriosi[1] rappresenta il sangue impuro che non viene  eliminato completamente da parte dell’utero. Il problema spesso è secondario al polmone che non abbassa il Qi per eliminare il sangue attraverso il flusso mestruale.

Il sangue contiene lo Shen e così anche il sangue impuro ma uno shen da eliminare, da dimenticare. Il Bao Mai è il vaso che contiene sangue e collega il cuore con l’utero. La pz sentiva una sensazione che andava dalla pelvi al collo e al cuore con palpitazioni e sensazione di nodo alla gola ,praticamente riferiva il percorso del Bao Mai.

Probabilmente in questo caso la causa della endometriosi  era il polmone e il Dai Mai. Infatti la paziente riferiva una storia di ansia ed attacchi di panico di cui aveva sofferto fino a 6 anni prima. Quando è cessato il panico sono iniziati i primi sintomi di endometriosi. E’ come se i traumi affettivi pregressi di cui la pz aveva appena accennato, erano stati accantonati nella mente (sangue) , erano stati nascosti prima nel Dai Mai e nel suo ramo secondario Bao Mai ( e si manifestavano come panico) e poi  sono stati esiliati come endometriosi.

Con la prima seduta abbiamo fatto regredire il problema verso il Bao Mai (infatti il flusso mestruale non è stato doloroso già dopo la prima seduta)  e si è scatenato il panico. Poi con il Dai Mai abbiamo eliminato completamente il problema.

Adesso la pz è più tranquilla e siamo in attesa di una ecografia di controllo.

 

Dr. Dante De Berardinis

P.S. Mi scuso con i non adetti ai lavori per i quali la discussione potrà essere poco comprensibile.




[1] D. De Berardinis : Ginecologia ed ostetricia in medicina cinese.

Un caso di diarrea cronica

L.R.  donna di 81 anni 

Motivo consultazione:

Diarrea da tre mesi (in media 6 scariche al giorno) per cui è stata anche ricoverata in ambiente ospedaliero per accertamenti. E’ stata praticata terapia reidratante insieme a disinfettanti intestinali e fermenti lattici senza nessun miglioramento della sintomatologia. In  questo periodo ha perso circa 6 Kg di peso.

 Altri sintomi: 

Depressione con tendenza all’isolamento da quando è morto il  marito circa 20 anni fa.

Demenza senile grave da 5 anni tanto che non riconosce più i familiari.

Paziente disidratata  per la diarrea ma anche perché non beve, non ha mai sete (come spesso capita negli anziani).

Insonnia ed stato di agitazione.

 

Terapia: 

Ki 16- Huang Shu, St 37 – Shang Ju Xu 

Analisi della sintomatologia.

La demenza è un sintomo del vuoto di rene Yin . Sappiamo che lo Yin di rene sono i visceri curiosi allora  traduciamo come vuoto di Jing di midollo e cervello.

In questo caso insieme alla demenza  è associata la diarrea che è un sintomo  del grosso intestino.

Anche se la  diversità di tempo delle insorgenze delle varie patologie può far pensare ad altro, vi è la probabilità che vi sia un difetto di passaggio dei liquidi Ye torbidi dal San Jiao Inferiore verso il midollo  e non salita di questi verso il cervello. I liquidi ristagnano in basso formando umidità e la diarrea è un tentativo di eliminarla. La presenza di umidità nel SJI è causata sia dal difetto della funzione del rene di afferrare i liquidi sia dal deficit della funzione di far salire i liquidi dal SJI al cervello. L’Umidità toglie il sintomo della sete anche sembra paradossale dal momento che la signora era disidratata.(ha perso 6 Kg in 3 mesi).

 

Studio dei punti 

Il punto Ki 16 si trova sulla stessa linea orizzontale che passa per il punto St 25 (punto Mu del grosso intestino) per cui ha una azione sul Li. Ki 16 governa la funzione renale (Qi di rene) di afferrare i Liquidi Ye torbidi che vengono abbassati al rene da parte del polmone, per nutrire il midollo e il cervello. Se i liquidi non vengono utilizzati a quello scopo avremo demenza da una parte e accumulo di umidità nella pelvi, dall’altra.

Il punto St 37 è il punto He speciale del grosso intestino (L.S. cap.4). Insieme aghi altri punti He speciali BL 39 per il San Jiao e St 39 per il piccolo intestino hanno la funzione di far salire verso l’alto (il cervello) le sostanze assorbite a livello di questi visceri. Il suo nome “ vuoto della parte superiore del corpo” e la sua sintomatologia ricca di segni neurologici probabilmente fanno riferimento a questa funzione.

Andamento clinico

Una settimana dopo la pz ritorna per la seconda seduta di agopuntura e la figlia racconta che la diarrea è cessata già dal giorno dopo la seduta ma soprattutto ha riconosciuto la nipote e ha notato un sicuro miglioramento ( anche se lieve) delle capacità intellettive.Ciò che mi ha stupito di più è la bottiglietta di acqua che la paziente portava con se. Infatti  dopo la seduta di agopuntura la pz ha iniziato ad avere sete e beve molto spesso.

Rimane invariato lo stato di agitazione ed insonnia.

Dante De Berardinis