La forza di espressione del Cuore

Donna di 59  anni

Motivo consultazione

S. ansioso –depressiva

La paziente soffre  di depressione da sempre, si sente disorientata, non riesce a imporre la sua volontà e si trova  spesso a fare cose che non vorrebbe fare. Non riesce ad affermare la propria volontà in nessun campo: nella famiglia è costretta dalla madre; nel lavoro  si sente oppressa dai colleghi. L’aspetto affettivo è “un disastro” e ogni volta che incontra qualcuno si sente sfruttata e poi non è mai riuscita a concretizzare una storia.

Si sente continuamente oppressa da sensi di colpa per una pregressa interruzione volontaria della gravidanza ma anche per molte altre cose.

Disorientamento affettivo: si sente attratta a volte dagli uomini altre volte dalle donne.

 

Altri sintomi

      ·        Emorroidi,

·        Astenia

·        Menopausa chirurgica : istero-ovariectomia per fibroma

Diagnosi

·        Eccesso di protezione del Cuore da parte del Ministro del Cuore

·        Dai Mai nella sua funzione di “ consolidamento”

Terapia

 

·        PC 3, Ht 7

·        GB 37, GB 27

Andamento clinico

 

Lieve miglioramento della sintomatologia già dalla prima seduta e dalla seconda racconta che riesce finalmente a fare ciò che vuole, non più astenia. Per la prima volta ha capito cosa significa il sentirsi felice.

Dopo quattro sedute si sente un’altra persona, aumento dell’autostima, riesce vedere e giudicare meglio.

Discussione

 

Sappiamo che il Ming ( progetto di vita) depositato nel Ming Men viene nascosto nel Cuore e nel piccolo Shen. Il Cuore cerca di affermare la propria identità e il Ministro del cuore ha il compito di difendere il Cuore affinché il processo possa avvenire.

A volte succede che il Ministro del Cuore pecchi di eccesso di zelo, “difende troppo” tanto da opprimere il Cuore non permettendo la sua normale espressione e rivelazione del suo progetto nel tempo. In questo caso la paziente è stata bloccata dal “senso di colpa” per l’interruzione di gravidanza e questo ha dominato e condizionato tutta l’espressione del Cuore. Il senso di colpa viene dal non sentirsi in linea con i propri antenati  nel fare i conti con la propria morale (Zong Qi).

In questo caso , per permettere alla paziente ripartire con la propria vita, si consigliano la coppia: PC 3, Ht 7.

Per capire la funzione di questa coppia riportiamo un brano della lezione di Jeffrew Yuen per il trattamento delle dipendenze:

 

“Settima coppia PC 3- Ht 7

PC 3, Qu Ze, nel suo nome vi è la nozione di fango, come una combinazione di terra e acqua (come metafora per creare qualcosa), può essere rappresentato in termini di argilla. Un materiale malleabile. Con PC 3 si ha l’opportunità  di ricostruirsi, ricrearsi, dà l’abilità a ricrearsi e  ridefinire la propria anima. E la vita è proprio questo, una “costruzione” di se stessi. Creiamo sia la nostra apparenza sia quello che vogliamo essere. Sono persone che non hanno seguito la propria natura per cause esterne (famiglia, società) o interne (morale, Zong Qi). La persona è agitata perché non riesce a riprendere il proprio cammino. Sono persone che hanno avuto problemi con la madre per cui hanno cercato qualcosa di simile per compagna; la stessa cosa se i problemi ci sono stati col padre.

 PC 3 è la capacità di ridefinirci che patologicamente si manifesta con disturbi della personalità: una persona che non vuole essere una cosa e diventa un’altra (in modo patologico). Con PC 3 abbiamo accesso al nostro vero Shen. Se ci si ridefinisce veramente,  il nostro Shen cambierà.

Ht 7,Shen Men,  calma lo Shen.”

 

Compromissione del Dai Mai

In questa paziente si rende evidente una  concausa importante che  non permette espressione del Cuore e  della sua vera natura: la mancata “forza di espressione”.

La forza di espressione del cuore è data da una parte dal Chong Mai che si manifesta con i meridiani Du Mai e Ren Mai, ma soprattutto dal Dai Mai che ha la funzione di “vettorizzare” le forze della persona verso uno scopo.

Quando vogliamo trattare il Dai Mai per questa funzione che chiamiamo di “consolidamento”, non dobbiamo (secondo noi) trattare il punto chiave classico GB 41 che , come punto Shu, attiva la sua funzione di eliminazione ma il punto di apertura antico GB 37. Ora GB 37, Guan Ming,  è in punto Luo che permette di illuminare la vista per vedere dove dobbiamo andare nella nostra vita, quale direzione prendere (per questo il percorso del Luo si dirige verso il piede). Una volta che è chiaro dove andare allora possiamo riunire le nostre forze  (muscolari ed emozionali) verso quella direzione che corrisponde, simbolicamente,  alla nostra salita lungo il Du Mai. Il punto che sembra avere questa funzione e GB 27, Wu Shu (5 pilastri  che potrebbero essere le 5 emozioni al servizio della sopravvivenza).

L’astenia, in questo caso, poteva essere l’espresione di energie disperse e non utilizzate nella maniera giusta.

Le emorroidi sono il segno di una salita difficoltosa  lungo il Du Mai.

 

Dr. Dante De Berardinis

 

 

 

Shao Mei: il punto che non c’è

  1. R., 16  anni, ragazza incantevole. Non patologie di nota. Frequenta il 2° anno di liceo scientifico.

  2. Motivo consultazione
  3. Si rivolge a me, accompagnata dalla madre, per smettere di fumare (o forse è la madre che l’ha accompagnata apposta perchè a suo tempo smise di fumare con l’agopuntura quando seppe di essere incinta).

    Fuma da un anno circa. Ha cominciato a scuola, ma non le piace farsi vedere fumare, e anche a scuola lo fa di nascosto. Mi dice che fuma perché la rilassa.

    Nata desiderata, terza di tre, da parto eutocico, allattata al seno, ha poi usato il biberon fino a 10 anni, età in cui –per sostituirlo- ha cominciato a mettere il dito in bocca, con la conseguente deformazione del palato e dei denti, per cui ha dovuto usare l’apparecchio ortodontico che ha rimosso di recente.

    Ipotesi diagnostiche

    Luo di Grosso intestino? Non ci sono però problemi di masticazione del cibo. LI.6 non duole.

    Legame a passaggio maturativo che la lega ad atteggiamenti infantili? BL.11 non duole.

    Vicariazione affettiva (filtro come sostituto del capezzolo)? LI.4 e LU.10 sono dolenti, non vivacemente, ma palpati (non ho proprio la manina leggera …) le fanno ritirare la mano.

    Fumo consolatorio? Kespi suggerisce LI.11 e CV.6. Quest’ultimo è francamente dolente.

    Difetto di trasporto del sapore piccante al Polmone? Anche SP.18 duole.

  4. Terapia
  5. Per non sapere né leggere né scrivere, tratto LI.4, LI.11, LU.10, CV.6 e SP.18. Guardiamo cosa succede e se, chiacchierando durante la seduta, (la madre nel frattempo – palesando una certa sensibilità- è uscita in sala di attesa) viene fuori altro.

    Durante la seduta non emerge altro perchè si addormenta (che a mio giudizio è sempre un segno positivo).

  6. Andamento clinico
  7. Smette di fumare da subito.

    Ma quando torna mi racconta che non ha resistito per tutta la settimana: ha fumato di nuovo. Le spiego che nessuno smetterà di fumare se non lei stessa, che non deve immaginare che le passi tutto senza metterci del suo (forse era quello che si aspettava, perché la madre a suo tempo era uscita dallo studio dell’agopuntore con lo schifo nei confronti della sigaretta e non ne aveva più usate).
    Ripeto la seduta della volta prima. Questa volta non si addormenta. Parliamo e mi spiega che ha fumato ancora perchè ha un desiderio di avere qualcosa in bocca che supera la sua capacità di controllarlo. Per mitigare il desiderio mette in bocca altro: maltratta le biro, mastica le matite, mangia caramelle, Chupa-chups … Tutta roba zuccherina, che ingrassa … Così per non mangiare fuma.
    Fin quando ha portato l’apparecchio per i denti è stata felice perchè non provava alcuna compulsione alimentare.

    Questo sintomo mi fa pensare alla fame compulsiva, ai desideri incontrollabili: GV.2. Non è proprio la stessa cosa, non è il desiderio smodato alimentare, ma è pur sempre un mancato controllo che riguarda l’oralità. Le butto lì: ” Hai mai avuto problemi all’osso sacro?” “Sì, due anni fa mi è comparso un dolore. Non siamo riusciti a capire cosa era. Poi un po’ per volta è passato …” “Dolore verso la punta?” ” No, proprio sul corpo”.

    Finita la seduta vado a esplorare i punti sull’osso sacro: GV.1 non dolente, GV.2 non dolente. Dolore alla digitopressione su un punto mediano fra la spina di S2 e S3. “Proprio lì mi faceva male!”. “Bene, settimana prossima cambiamo punti”.
    Non sono esperto di punti fuori meridiano, non possiedo testi specifici in proposito. Bossy non raccoglie quel punto fra quelli che descrive, ma io l’ho punto lo stesso, per quella regola paradossale per cui “se fa male fa bene”. Lui, da solo.
    Da subito scompare la necessità compulsiva alimentare e la necessità si tenere in bocca qualcosa.

    1. Discussione
    2. Il meridiano del Du Mai è colui che governa, conduce, indirizza con autorevolezza accompagnando: è la proiezione sul nostro corpo dell’archetipo paterno, l’espressione Yang di Chong Mai, l’aspetto solare.
      Sul Du Mai risuonano i grandi passaggi della autoconsapevolezza che portano la schiena a conformarsi secondo le curvature note partendo dalla curvatura cifotica unica neonatale.
      I passaggi di autoconsapevolezza prendono la forma di lordosi, procedendo dall’alto verso il basso, come anche la sequenza dei sette Po, impronta e imprinting dei periodi trascorsi della nostra vita.
      Dal basso verso l’alto invece si stratificano e possono essere ritrovati i traumi, in una sorta di dipanatura che è la scala della vita che rappresenta il processo di sviluppo. Tali traumi sono proiettatati sulle due branche del meridiano di Vescica (i fisici sulla mediale, gli emotivi sulla laterale), e vanno ad incidere sul Du Mai.
      La parte più fisica della colonna, dove le vertebre sono robuste e massicce se non addirittura fuse in numero di quattro nel coccige e cinque nel sacro, governa gli aspetti legati al Jing, l’appartenenza di genere e razza, gli scambi di tipo fisico e materiale, tra cui rientra l’alimentazione. A livello GV.1 tutto il mondo gira intorno al “sé”, anzi il “sé” è il mondo. Poi si sale progressivamente e a GV.4 si trova il punto della schiena eretta, il punto che permette di camminare, ci si differenzia allora dall’altro, il bambino percepisce di essere altro dalla madre e comincia ad esplorare il mondo.
      Il livello superiore riguarda il Qi, la relazionalità, il sociale, riferito a sé stessi (GV.9) come ruolo sociale e relazione col mondo e come riconoscimento degli altri (GV.14) come soggetti di attenzione nei miei confronti e oggetti di attenzione mia e della mia cura. E’ interessante che questa porzione della colonna sia dotata di appendici, le coste, che rappresentano l’aspetto lunare in contrapposizione alla colonna solare ed esprimono con la loro forma l’abbraccio, il collegamento relazionale fra il dorsale il ventrale, tra lo yang e lo yin, in qualche modo una metafora sponsale.
      Al di sopra della strettoia del collo, dove il 3 e il 4 precedentemente coniugati per moltiplicazione (12 vertebre dorsali costolate) si uniscono per somma -operazione celeste- a dare 7 vertebre cervicali, si giunge nell’ambito dello Shen, alla capacità di trasformare, trasformarsi e distaccarsi dal “sé” (GV.16) come espresso in quella vertebra metamorfosata che è l’occipite, base del Cielo dell’uomo, per trascendere e raggiungere la santità, l’aureola a GV.20, al di sopra del quale la trasformazione alchemica giunge al vuoto.

      Per R. il problema era alimentare, materiale, “basso”, vai a capire per quale vissuto (o immaginato). Il fumo era una scusa o forse quelle due sedute sono servite a chiarire a lei (o a me?) che la sigaretta era una necessità surrogata, una vergogna socialmente più accettabile del rimettersi il dito in bocca, non potendo masticare caramelle in continuazione.

      Tre sedute per consolidare e ci salutiamo.

      “Posso scrivere la tua storia per altri agopuntori?” “Sì …” “Come lo chiamiamo quel punto che non esiste?” “Mah … non saprei …” Che te ne pare di dargli il tuo nome, in cinese. Il tuo è un nome ebraico, biblico. Sai cosa significa?” “Pecorella, mite …” “Anche nella cultura cinese la pecora rappresenta la gentilezza. Lo chiameremo Giovane bella Rachele, SHAO MEI”

      Non le interessa tanto. E’ contenta, stranita di questo risultato (quasi quanto me). Sulla porta mi chiede “Puoi farmi qualcosa per questo?” e mi mostra una callosità sul mignolo per auto sfregamento (compulsivo da imbarazzo).
      Le spiego come prepararsi il gel di aloe. Mai farsi prendere dalla presunzione agopunturale dopo un risultato brillante!

      SHAO La forma originale di questo ideogramma rappresenta quattro gocce di pioggia, ma c’è chi sostiene che siano quattro granelli di sabbia. Comunque sia, indica una quantità piccolissima. In sé significa “poco, poco numeroso”, ma può precedere altri ideogrammi e partecipare alla formazione di alcune parole composte con il significato di “giovane” (in questo caso va letto in quarto tono).

      MEI è il carattere che significa bellezza. E’ composto da due pittogrammi che secondo i cinesi rappresentano l’essenza del concetto della bellezza.  La parte superiore rappresenta la pecora, l’animale che secondo il popolo cinese rappresenta il modello di gentilezza e passività, l’animale che non ha  desideri che lo rendono combattivo ed aggressivo, e che
      per questo vive in armonia con l’universo ed in pace con gli altri esseri viventi. Sotto il simbolo della pecora ritroviamo il pittogramma della persona adulta, un individuo adulto
      con le braccia aperte. Ecco quindi la bellezza: la gentilezza dell’animo della pecora rispecchiata nel carattere di una persona adulta.

    Esperienza riferita dal dr. Paolo Brici

Info:  studio: Rimini, via Serpieri, 19  338 7664515   brixbott@libero.it

Disturbi da chemioterapia

Donna di 45 anni in chemioterapia per carcinoma mammario, viene per attenuare i disturbi della terapia:

·        Nausea e vomito

·        Grave astenia

·         Bocca amara

·        Dermatite  diffusa

·        Flogosi delle emorroidi con dolore e sanguinamento.

Non sono riuscito a formulare una diagnosi unica a tutti i disturbi e “ho navigato a vista”.

Primo trattamento per nausea e vomito: BL 43, CV 6, St 36.

E’ una formuletta che aveva citato il compianto Dr. Morandotti  in un congresso S.I.A. di tanti anni fa e che ho sperimentato più volte con successo.

Anche in questo caso ha dato dei risultati sorprendenti con scomparsa della sintomatologia gastrica e anche dell’astenia in due sedute giornaliere.

La dermatite  è stata interpretata come una intossicazione del sangue da chemioterapia per cui ho usato la formula della disintossicazione  citata dal dr. G. Bernardini in una lezione collegiale di fine anno, a Roma, nella nostra scuola di agopuntura (A.M.S.A.): TH 5, Ki 9, Lr 5, Li 15.

La dermatite è scomparsa in tre giorni con la meraviglia degli oncologi che hanno in cura la paziente.

Per la bocca amara che , secondo noi, è l’espressione dell’umidità calore (in questo caso provocato dalla chemio) nel diaframma ho usato il punto specifico GB 38. La sensazione di bocca amara e secca è completamente scomparsa durante la seduta

Restava da curare le emorroidi.

Una delle cause delle emorroidi è  un difetto della funzione di salita lungo la colonna da parte del Dai Mai (in questo caso probabilmente dall’umidità calore.

Non ho usato, allora, la solita formula  BL 57, GV 1, GV 20 + i due punti curiosi tra PC 4 e PC 5 ma la funzione di salita del Dai Mai: GB 41, GB 26, Ki 16, PC 5, GV 20.

Il dolore emorroidario è scomparso con due sedute in due giorni.

Rimaneva il sanguinamento delle emorroidi (senza dolore)  che è un sintomo della disarmonia tra Qi e Sangue: un vuoto di Qi (vedi astenia) non riesce a trattenere il sangue .

La puntura di Li 15 e St 30 consigliata da Jeffrey Yuen, ha risolto quest’ultimo problema.

La paziente viene trattata con una seduta a giorni alterni in base ai suoi problemi.

Non sarà un’agopuntura di alto livello ma riesce comunque a risolvere i problemi della paziente che vorrebbe venire nel mio studio anche di domenica!

Per chiarimenti sulla scelta dei punti e sui loro meccanismi d’azione si consiglia di approfittare dei commenti.

Dr. Dante De Berardinis

Sangue di donna

Una paziente racconta cosa è successo durante una seduta di agopuntura.

 

Alba Adriatica, 04/11/2009

 

…All’improvviso è iniziato a salire dalla pancia un calore, una forza, un’energia fino alla gola, come un’onda… il cuore palpitava, ero disorientata… questa forza prendeva il sopravvento, mi procurava spasmi alla gola e mi faceva contrarre il corpo… ero spaventata, confusa e arrabbiata perché mi ritrovavo di nuovo a combattere con quel “mostro” (il panico) che pensavo di aver sconfitto… Non sapevo gestire quei momenti… “gli esercizi” non funzionavano… volevo che mi toglieste gli aghi per non soffrire ancora… Poi ho provato a distrarmi, a “buttare” gli occhi fuori di me e momenti di quiete si alternavano alle “ondate”… Non mi riuscivo a rilassare… avrei dovuto ricordare che in “quegli attimi” più provi a rilassarti e più non ci riesci… Ho continuato a resistere dandovi fiducia fino a quando le carezze sulla pancia di… (massaggiatrice Tuina)  scorrevano come un fiume “in piena” di sensazioni, ricordi, tristezza, dolore, sofferenze…il mio cuore piangeva… Ero stanca, stanca di soffrire, stanca di stare male, di provare quelle sensazioni e di combattere le “ondate”… Ho pianto come una bambina… sentivo freddo… sempre di più e agli spasmi si accompagnavano brividi in tutto il corpo… Ero infastidita dal cambio degli aghi…(poi spiegherò quali punti avevo cambiato) non volevo essere sotto il controllo di qualcosa che non potevo controllare… Poi ho sentito aprirsi una porta dentro la pancia in cui entrava calore…(avevo trattato il Bao Mai) In quel momento volevo guardare in faccia quel “mostro”… Non ne avevo più paura… i brividi si cominciavano a sciogliere… sentivo meno freddo…Ho pianto di liberazione. Avevo ancora gli spasmi… ma come se fossero ultimi sussulti, strascichi, piccole onde dopo la “tempesta”… Desideravo chiudere gli occhi e dormire un po’… Non mi sentivo di guidare per tornare a casa, avrei voluto che mi venisse a prendere mio marito, ma forse lui non avrebbe capito quel mio stato d’animo, questa esperienza, questa prova… Ho pensato fosse meglio spiegare tutto a casa con calma… lui è scettico nei confronti di ciò che non conosce… Sono uscita dallo studio disorientata, con la testa leggera… con le mani impacciate, con i sensi intorpiditi… Ho telefonato ad un’amica, nonostante continuassero le piccole “ondate”… a un certo punto sembravano aumentare, ho interrotto la telefonata, volevo solo andare a casa… Come ho visto mio marito, l’ho abbracciato e ho pianto di nuovo… Naturalmente non capiva e si preoccupava, ho provato a spiegare e raccontare… mentre continuavo ad avere ancora freddo e a ingoiare per i piccoli spasmi… Lui si è preoccupato maggiormente, pensando che non si può uscire da uno studio medico in uno stato peggiore di come si è entrati… Ho preferito preparare la cena e tornare alla quotidianità, mi sono calmata, riscaldata, gli ho parlato con più chiarezza e ci siamo fatti un po’ di coccole…

A tavola non avevo appetito, però ho mangiato per non farlo preoccupare (io non salto mai un pasto!)… avevo nausea, indolenzimento allo stomaco, il sapore amaro in bocca… ancora qualche piccolo spasmo e bisogno di ingoiare e poi una sensazione strana nel basso ventre, degli spasmi anche lì… Mi sentivo come se mi fosse passato qualcosa addosso… spossata, disorientata, stanca, assonnata… un po’ malinconica… Ora mentre scrivo ho solo voglia di riposare, di addormentarmi nel mio dolce nido!

                                        Buona notte!

 

P.S. Mi è tornato l’appetito con la torta di mele che ho preparato stamattina!

 

La pz mi aveva consultato perché affetta da endometriosi che durava da 5 anni e, per tale motivo, aveva già subito un intervento chirurgico due anni prima.

Riferiva dolori mestruali violenti, lombalgia, palpitazioni, pregressi episodi di attacchi di panico (circa 6 anni fa).

Nella prima seduta avevo punto:

  • Li 15
  • Lr 5
  • CV 7
  • Ki 14

L’endometriosi energeticamente può essere causata da un blocco da parte del fegato (Lr 5) della funzione di abbassare la Wei Qi (Li 15) da parte del polmone per eliminare il sangue impuro del flusso mestruale da parte dell’utero (Ki 14) e del San Jiao Inferiore (CV7).

 

Durante la prima seduta si era sentita un po’ agitata ma poi tutto è passato ed è tornata a casa tranquilla.

Nella settimana ha riavuto il flusso mestruale senza nessun dolore , meglio anche la lombalgia.

 

Durante la seconda seduta, dopo 10 minuti dalla inserzione degli aghi,  è successo quello di cui sopra.

 

Quando la pz ha cominciato a piangere e voleva andare via ho aggiunto i punti per sbloccare il diaframma : GV 9, GB 22. Ma la pz continuava a piangere e ad essere agitata con il nodo alla gola e la dispnea. Evidentemente non era colpa del diaframma!

Ho tolto tutti  gli aghi  e poi dopo un massaggio attorno all’ombellico per valutare l’interesamento di Zong Jin ho trattato con gli aghi  lo Zong Ijn (St 10 e St 11) e poi il Dai Mai con i punti : GB 41, GB 26, Sp 21(Da Bao).

Poco dopo la inserzione di questi punti e il massaggio (“carezze sulla pancia”) la pz continuava a piangere ma di gioia per aver potuto guardare senza paura il “mostro”.

 

Discussione

 

L’endometriosi[1] rappresenta il sangue impuro che non viene  eliminato completamente da parte dell’utero. Il problema spesso è secondario al polmone che non abbassa il Qi per eliminare il sangue attraverso il flusso mestruale.

Il sangue contiene lo Shen e così anche il sangue impuro ma uno shen da eliminare, da dimenticare. Il Bao Mai è il vaso che contiene sangue e collega il cuore con l’utero. La pz sentiva una sensazione che andava dalla pelvi al collo e al cuore con palpitazioni e sensazione di nodo alla gola ,praticamente riferiva il percorso del Bao Mai.

Probabilmente in questo caso la causa della endometriosi  era il polmone e il Dai Mai. Infatti la paziente riferiva una storia di ansia ed attacchi di panico di cui aveva sofferto fino a 6 anni prima. Quando è cessato il panico sono iniziati i primi sintomi di endometriosi. E’ come se i traumi affettivi pregressi di cui la pz aveva appena accennato, erano stati accantonati nella mente (sangue) , erano stati nascosti prima nel Dai Mai e nel suo ramo secondario Bao Mai ( e si manifestavano come panico) e poi  sono stati esiliati come endometriosi.

Con la prima seduta abbiamo fatto regredire il problema verso il Bao Mai (infatti il flusso mestruale non è stato doloroso già dopo la prima seduta)  e si è scatenato il panico. Poi con il Dai Mai abbiamo eliminato completamente il problema.

Adesso la pz è più tranquilla e siamo in attesa di una ecografia di controllo.

 

Dr. Dante De Berardinis

P.S. Mi scuso con i non adetti ai lavori per i quali la discussione potrà essere poco comprensibile.




[1] D. De Berardinis : Ginecologia ed ostetricia in medicina cinese.

Endometriosi

Caso clinico
R.C. femmina di 31 anni
Motivo della consultazione
• Endometriosi pelvica da due anni che si manifesta con grave dismenorrea. Perdite di colore scuro dopo l’ovulazione
• Infertilità
• Acne con peggioramento premestruale
• Mani e piedi freddi, freddolosità
• Sogni abbondanti, ansia, palpitazioni, emotività insonni a per difficoltà ad addormentarsi.
Terapia
• Li 15, abbassa il Qi di polmone per attivare la funzione di eliminazione del SJI
• Lr 5, tratta il Qi di fegato che attacca il polmone (qi di fegato che blocca la funzione di abbassamento del polmone
• St 29, tratta la funzione di discesa dello stomaco in particolare verso la pelvi, punto specifico per le endometriosi secondo la M.T.C.
• PC 4, muove il sangue mestrale attraverso il Qi di cuore

Andamento clinico

Dopo due sedute di agopuntura il ritorno del flusso mestruale avviene senza dolore e non ha avuto perdite scure dopo l’ovulazione.
Dopo 4 sedute le mani e i piedi non sono più fredde ed è migliorata la freddolosità generale. Completamente guarita l’acne. Molto meglio l’ansia , le palpitazioni e sonno.
Alla quinta seduta ho modificato la terapia per agire sulla infertilità:
• Li 14, in moxa, punto Chong in relazione quindi con il Chong Mai. Attiva la funzione di abbassamento del polmone per attivare il PO del feto a prendere forma.
• St 30, punto origine del Chong Mai
• Lr 5, tratta il fegato che attacca il polmone
• PC 6, Punto chiave Yin Wei Mai accoppiato a Chong Mai
Ho consigliato , inoltre , rapporti sessuali a giorni alterni nel periodo peri-ovulatorio.
E speriamo bene!

Appendice di ginecologia
Molte possibili cause energetiche possono dare origine all’endometriosi :
• La mancata discesa dell’energia del polmone per cui il flusso mestruale non è completo, rimane parzialmente ritenuto che da origine all’endometriosi.
Terapia Li 15. Il punto che abbassa il Qi del polmone per spingere fuori il sangue è LI 15. In queste pazienti si trovano mani e piedi freddi e freddolosità in generale.
• Ma la mancata discesa del Qi del polmone può dipendere dalla mancata regolazione da parte del fegato.
• Terapia: Lr 5

• L’utero che non afferra l’energia del polmone.
Terapia: Ki 14, il nome si traduce con 4 accumuli, apre anche gli orifici inferiori.

• Da ricordare l’azione del cuore sul rene attraverso il sangue, il cuore spinge il sangue nell’utero per poterlo eliminare. Una cattiva funzione di HT-SI può determinare la comparsa di endometriosi. Se in sangue rimane non eliminato perché non mobilizzato dal cuore si tratta:
Terapia: PC 4 (oppure PC 5 con ago verso PC4)

• Non eliminazione da parte del San Jiao Inferiore
Per trattare il SJ inferiore si usa il suo punto Mu, CV 7. L’interessamento del SJ inferiore determina la comparsa di altri disturbi legati alla eliminazione: cistite, diarrea, proctite. Sono tutti gli orifizi inferiori ad essere interessati perché il SJ è l’eliminazione nel suo complesso.

• Non eliminazione da parte del Dai Mai. Sintomi: mani calde e piedi freddi, leucorrea, insonnia, frequenti storte alle caviglie.
Per la mancata eliminazione da parte del Dai Mai:
Terapia: GB 41 , GB 26, GB 28 + Lr 5 (punto Luo che porta sangue del meridiano del fegato al Dai Mai)

Per approfondire:
D. De Berardinis. (2006). Ginecologia ed ostetricia in medicina cinese. Alba Adriatica. Ed. S.I.d.A.
Yuan, J. (2006). La camera del sangue. Roma: ed. Xin Shu.

Dito scatto

L. M. maschio di 52 anni

 

Motivo della consultazione

 

Dito a scatto (tre dita)  e dolore alle articolazioni delle mani bilateralmente

 

Particolari del sintomo

 

La sintomatologia dolorosa è iniziata 4 mesi fa apparentemente senza motivo.

La difficoltà a trovare una causa della malattia indica che il paziente ha rimosso il problema o la causa per cui cercare nella sua memoria è una impresa difficile. Spesso quando il paziente non riesce a trovare la causa della sua malattia già depone per una sua negazione e indica l’interessamento di un meridiano distinto.

Diagnosi

Deficit di JingXue di fegato in periferia , alle astremità.

Meridiano distinto di Vescica Biliare.

Terapia

·         CV 2, GB 1,

·         Lr 1 , GB 44 sx

·         GB 23

Decorso clinico

Miglioramento della sintomatologia dolorosa e lo scatto delle articolazioni falangee interessate già dopo la prima seduta. Guarigione clinica dopo 6 sedute a cadenza settimanale.

Altri tre casi trattati con lo stesso metodo hanno dato risultati analoghi.

Discussione

I tendini (Jin) e quindi il  movimento articolare dipendono dal Jing del fegato, anzi i tendini e i muscoli nella loro funzione motoria “sono” Jing di fegato.

In tutte le tendinopatie bisogna andare alla ricerca delle cause della turba del Jing di fegato per poter attuare una terapia efficace.

Vi sono alcune possibilità terapeutiche da valutare con attenzione con dei sintomi associati che sono patognomonici[1].  

(Il  problema è stato già discusso in un post precedente ma lo ripeto brevemente per i distratti)

Cause di vuoto di Jing di fegato:

1.      Il Jing non viene nutrito dal Jing acquisito degli alimenti di sapore acido. Sintomo clinico: onicofagia. Terapia CV 10 che attiva la funzione di trasporto della Milza del Jing degli alimenti acidi verso il fegato.

2.      Il Jing di Fegato è in vuoto. Sintomo clinico: tendinopatia   per eccesso di lavoro o a causa dell’età ad esempio un tunnel carpale insorto  con la menopausa. Terapia: BL 47 che nutre il fegato attraverso il Jing che viene dal Mare del midollo.

3.      Il sangue non rientra nel fegato dai meridiani tendino-muscolari Yin delle gambe. Sintomo clinico: gambe senza riposo, insonnia. Terapia: CV 2 che attiva il rientro del sangue verso il fegato.

4.      Vuoto di sangue di fegato per difetto del Chong Mai mare dei 5 organi e dei 6 visceri. Sintomo clinico: sogni premonitori, premonizioni. Terapia Ki 21, punto del Chong Mai in relazione con il fegato.

 

Nel caso del dito a scatto ma anche nel morbo di Dupuytren e comunque problemi tendinei o mobilità alle estremità il problema è da ricercare in un difetto di trasporto del Jingxue verso la periferia a nutrire i tendini e i muscoli. In meccanismo energetico che attiva il trasporto del Jing o Xue verso le estremità è il meridiano distinto di GB.

Il trattamento del distinto avviene attraverso i punti di riunione dell’alto, GB1; il punto di riunione del basso, CV 2: i punti Jing distali dei meridiani accoppiati all’opposto (come suggerisce il cap. 63 del So Wen) ma se la malattia è bilaterale si trattano i punti Jing distali a dx nella femmina e a sx nel maschio.

Nei problemi agli orifici della testa si aggiungono i punti finestra del cielo specifici.

Per il dito a scatto abbiamo aggiunto il punto GB 23 che oltre ad essere il punto Mu della vescica biliare ha nel nome  il termine Jin, tendine.

 

 

Appendice di fisiologia

 

Meridiano distinto di GB[2]

 

Il meridiano distinto (Jing Bie) di Vescica Biliare inizia nella articolazione dell’anca al punto GB 30. Si muove poi verso l’alto e anteriormente verso il punto St 30. Secondo il Ling Shu cap. 11 arriva poi  all’osso pubico al punto CV 2 e CV 3 (Mu di Vescica). Quindi entra in contatto con il Chong Mai e il meridiano del Fegato. Sale poi verso le “costole fluttuanti” ai punti Lr 13 (Mu della Milza) e GB 25 (Mu del Rene) . Entra nella vescica biliare, GB 23, GB 24 (Mu dellaGB) e nel fegato, Lr 14 ( Mu di Fegato).

Da qui sale per arrivare al cuore, CV 14 ( Mu del cuore) , CV 15, e dal cuore alla gola ai punti St 12, St 10  e passa a St 9 e sale a St5 per salire a GB 1.

Mentre meridiano di BL-Ki è in relazione con il Dai Mai il distinto di GB-Lr è in elzione con il Chong Mai.

Il collegamento del meridiano distinto di  GB con i punti Mu di alcuni organi e visceri implica che:

·         Trasporta il sangue verso i muscoli e i tendini

·         Trasporta anche il Jing verso le articolazioni

·         Apre gli orifizi superiori ( orecchie, occhi)

Secondo la S.I.d.A. si tratta di un trasporto per la nutrizione dei tendini e delle articolazioni ma, nelle aggressioni da parte di energie perverse, utilizzano lo stesso Jing o Xue per bloccare il fattore patogeno.

 

Dante De Berardinis




[1] Esperienze della S.I.d.A.

[2] J. Yuen : Lezioni sui meridiani tendino-muscolari e i meridiani distinti. A cura del Dr. E. Simongini e L. Bultrini

Ed. A.M.S.A. Roma 1998

….Dante De Berardinis: “Il dolore secondo la Scuola Italiana di Agopuntura.” Ed. Id’O Seminario Mosciano 2007

INSONNIA DA STRESS

S.A. femmina di 42 anni
Motivo della consultazione
Insonnia da stress
Analisi del sintomo
La pz riferisce di addormentarsi normalmente la sera ma poi si sveglia più volte nella notte. L’insonnia è iniziata da circa un anno quando sono aumentati i suoi impegni di lavoro e anche le preoccupazioni per l’andamento della sua azienda.
Altri sintomi
Cervicalgia tensiva, gonfiore addominale e dispepsia con difficoltà e lentezza della digestione.
Astenia che peggiora la sera . Si sente “sfinita”, “non ce la fa più”.
Più è stanca e peggio è l’insonnia.
Diagnosi
Vuoto di Jing di Milza da stress
Terapia: BL 49, Yi She.
Andamento clinico
Miglioramento dell’insonnia già dopo la prima seduta.
Dopo la seconda seduta a cadenza settimanale la paziente dorme. Scomparsa dell’ astenia e della cervicalgia.
Miglioramento netto delle funzioni digestive.
Discussione
Ogni eccesso cronico di un sentimento ( preoccupazione, paura, collera, ecc.) causa un vuoto di Jing dell’organo che vi corrisponde:
• Paura, eccesso di lavoro = Jing di rene
• Preoccupazione, eccesso di lavoro intellettuale= Jing di milza
• Collera, frustrazione= Jing di fegato
• Tristezza, separazioni= Jing di polmone
• Turbe affettive, amore difficile= Jing di cuore
Nel nostro caso un eccesso di preoccupazione e di lavoro ha causato un vuoto di Jing di Milza con i sintomi già visti.
Per trattare il vuoto di Jing da stress i punti più attivi sono i punti chiamati Ben Shen che si trovano a lato, nella branca esterna della vescica, ai punti Shu del dorso degli organi. La loro funzione è quella di nutrire il Jing degli organi a partire dal cervello che è il mare del midollo: infatti il Jing (innato ed acquisito) sale dal rene lungo la colonna e arriva al cervello; da qui ridiscende lungo la branca esterna della vescica per irrorare gli organi. Una delle azione di BL 49 è , allora, di nutrire il Jing della Milza.
 

Appendice di fisiologia
Sappiamo che gli organi, insieme al Qi, conservano anche il Jing e lo Shen e in particolare tutte queste sostanze dipendono da Yuan Qi.
La maggior parte dei pazienti frequenta i nostri ambulatori per patologie croniche e gravi o da stress e si possono ricondurre più spesso a turbe del Jing che a disturbi del Qi degli organi.
Il Jing di un organo comprende anche il sistema anatomico collegato, il suo annesso e l’orifizio.
Ricordiamo allora che:
 Jing di fegato comprende: organo fegato, tendini-muscoli, unghie, vista
 Jing di rene comprende: organo, osso, midollo, cervello, denti, capelli, ano, uretra, udito.
 Jing di polmone comprende: organo polmone, pelle, peli, olfatto
 Jing di milza comprende: organo milza- pancreas, connettivo, labbra, lingua (sapori)
 Jing di cuore comprende: organo cuore, vasi, lingua (capacità di articolare il linguaggio), Jing Ming (luce del volto)
Il Jing ha una duplice origine:
 Jing innato ( Xian Tian Zhi Jing o Yuan Jing), viene conservato nel rene che lo utilizza per alimentare tutti gli organi , Zang. Ogni organo ha il suo Jing innato.
 Jing acquisito (Hou Tian Zhi Jing), viene dallo Stomaco che lo distribuisce, sotto il controllo della Milza, in base al sapore degli alimenti e viene depositato, quando è in eccesso, per formare il Jing di rene (visceri curiosi).
Questi concetti sono chiaramente esposti nel So Wen cap. 11:
“I 5 magazzini (Zang) sono chiamati così perché mettono in riserva in Jing e non eliminano”
“I 5 visceri (Fu) si chiamano ricettacoli di transito e di elaborazione . Essi fanno transitare e non trasformano, non mettono in riserva.”
“Il rene riceve il Jing dei 5 Zang e dei 6 Fu e lo conserva in deposito”
Il conservare del rene vuol significare che quando un organo si trova in deficit di Jing allora il rene provvede alla sua reintegrazione.
La fisiologica emanazione del Jing renale verso gli altri organi e tessuti viene descritta nel So Wen Cap 1 ma anche Xue Zheng Lun pag.73 specifica:
Il rene è del dominio del cielo anteriore. Governa l’energia Jing, quintessenza, degli organi.”
Cause del deficit di Jing
I testi descrivono alcune cause di deficit di Jing :
 Deficit di Jing congenito
 Gravidanze ravvicinate
 Eccessi sessuali
 Malattie croniche
 Origine psichica, in particolare la paura cronica
Noi pensiamo che le cause “moderne” del deficit di Jing di un organo sono soprattutto l’eccesso di lavoro , lo stress (o “le surmenage” come ci ricordava spesso il prof. Leung) e la malattia neoplastica.
La capacità di lavoro di un organo o dei suoi sistemi anatomici collegati dipende dal Jing che, a sua volta, varia da persona a persona e dipende da:
• Predisposizione ereditaria
• Età del soggetto: vedi cap. 1 del So Wen.
• Capacità di reintegrazione da parte del Jing acquisito
Il Jing di riserva che è conservato nel rene può essere utilizzato per nutrire il Jing e lo Yin degli organi attraverso i punti della branca esterna del meridiano di vescica .
S.W.61:
“Vi sono 5 punti (Xue) che sono situati a lato dei punti Shu del dorso:
 Po Hu 42V
 Shen Tang (44V)
 Hun Men (47V)
 Yi She (49V)
 Zhi Shi (52V)
Sono 10 punti per evacuare il calore dai 5 organi (Zhang)”
Questi punti , quando sono interessati,sono dolorosi alla pressione secondo una tradizione

che è stata ripresa da Cheng Dan-an[1]

In verità, secondo la S.I.d.A. ogni punto di agopuntura, quando è interessato, deve essere dolorabile alla digito pressione altrimenti bisogna rivedere la diagnosi!

Dante De Berardinis




[1] Cheng Dan-an.:  Zhong guo zhen-jiu xué. Etude de l’agopuncture et de la moxibustio chinoises. Beijing 1959. P. 106-109.

Occhio secco

C. M. T. 51 anni ,  femmina

Motivo consultazione:

 

Secchezza degli occhi  con sensazione di bruciore da 5 anni.

Atri sintomi:

 

  • La secchezza e il bruciore costringono la pz a usare le lacrime artificiali circa 10 volte nelle 24 ore.
  • Il bruciore agli occhi e la secchezza peggiora di notte  e i  sintomi sono iniziati  circa 6 mesi  dopo la morte del padre
  • Colon irritabile: scariche di diarrea in seguito a crisi di ansia
  • Dolore cervicale
  • Spalla dolorosa dx da 1 mese con dolore a peggioramento notturno

Diagnosi

 

Non salita dei liquidi  agli occhi.

Yin Qiao Mai

Terapia:

 

Ki 6, Ki 8, St 9, BL 1

Analisi della sintomatologia.

 

Cosa è successo alla signora C. dopo la morte del padre?

Ogni lutto o separazione affettiva  in genere colpisce il Luo longitudinale (Luo Bie) del polmone, Lu 7 . In questo caso ho usato lo Yin Qiao Mai[1] sia perché i sintomi hanno un peggioramento notturno ma anche perché se ci fosse stato un blocco della salita dei liquidi a causa di un disturbo della funzione di diffusione dal polmone avremmo avuto una carenza di liquidi e quindi una secchezza per prima al naso e poi agli altri orifizi della testa.

In questo caso clinico è possibile, come ci spiegherà in uno dei prossimi post il Dr. Navarra, che ci sia stato un passaggio della energia perversa interna, emozione tristezza, dal meridiano  Luo Bie  verso la Yuan Qi[2] e quindi alla costituzione. In questo caso il FPI (fattore patogeno interno) dal punto Lu 7 è stato inviato allo Yin Qiao Mai e da qui deviato verso una struttura periferica per evitare la penetrazione negli organi.

Una delle funzioni dello Yin Qiao Mai è quella di regolare la circolazione della Wei Qi, dei liquidi Jin torbidi, in rapporto al ritmo sonno veglia: durante il sonno lo Yin Qiao Mai regola la circolazione di Wei Qi e Jin torbidi nello Yin (organi ,Zang e visceri curiosi) ; durante la veglia questa energia risale al punto St 9 per arrivare agli occhi e penetrare nel cervello, passare al punto GB 20 per scendere verso lo Yang con lo Yang Wei Mai. Il Qi circola 25 volte nello Yin durante il sonno e 25 volte nello Yang durante la veglia come abbiamo imparato dai classici.

I punti

 

Ki 6 : punto chiave dello Yin Qiao Mai

Ki 8 : punto di disostruzione

St 9:  punto del meridiano Yin Qiao Mai che fa salire il Qi verso BL 1,

BL 1: punto di arrivo agli occhi dello Yin Qiao Mai e di penetrazione nel cervello.

Andamento clinico

 

Miglioramento del bruciore agli occhi già durante il trattamento con gli aghi e riduzione dell’uso delle lacrime artificiali dopo la prima seduta.

Dopo tre sedute la pz riferisce che  usa le lacrime artificiali solo due volte al giorno e mai la notte.

Come spesso avviene i pazienti dimenticano il sintomo per cui sono venuti a consultazione. La nostra paziente quindi alla mia domanda in 4° seduta:

-Come va?

 

 Risponde:

 

– Ho un dolore di spalla sx che non mi fa dormire.

 

Ma gli occhi? Ah.. gli occhi vanno bene ma la spalla no.

 

A questo punto nella 4° seduta aggiungo il punto PC 1 a sx.

Il dolore di spalla scompare in una seduta.

Siamo alla 6° seduta, la sintomatologia agli occhi è scomparsa e non fa più uso delle lacrime artificiali. Consiglio di continuare con due sedute a distanza di 15 giorni e poi di sospendere e ,se ci saranno problemi di recidiva, si vedrà.

 Permane il dolore cervicale , l’ansia e il colon irritabile.

Probabilmente il FPI è stato deviato anche verso altri meccanismi che sono legati alla Yuan Qi, per esempio i meridiani distinti: ma quale?

Di tutto questo ci parlerà il Dr. Navarra appena tornerà dall’India dove si è recato (per beneficenza ) a curare chirurgicamente la cataratta. 

Dante De Berardinis

 

 

 




[1] In genere per la secchezza agli occhi uso la formuletta: Sp 6, Sp18, St 9.

[2] N.V.Nghi ci ricorda che l’energia passa dal punto Luo al punto Yuan del meridiano accoppiato.

Parestesie arti inferiori

 M.E. femmina di 74 anni

Motivo consultazione:

Parestesie arti inferiori, sensazione di bruciore che peggiora di notte e con il caldo tanto che la pz è costretta a spostare i piedi fuori dalle lenzuola.

La sintomatologia dura da 5 anni con associata la sindrome delle gambe senza riposo.

La paziente insiste che sia un problema di circolazione perché insieme alle parestesie nello stesso periodo ha notato la presenza di molte teleangectasie lungo le gambe e le cosce.

Gli specialisti che ha consultato le hanno spiegato già che le teleangectasie non hanno niente a che fare con le parestesie ma lei non ci crede.

Atri sintomi:

Gambe deboli e spesso il ginocchio cede al peso con il rischio di cadere.

Dorsalgia da alcuni anni.

1° Diagnosi

La prima ipotesi è un difetto di barriera[1] del rientro dello Yang dagli arti inferiori verso la pelvi

Terapia:

BL 63, GB 36, St 31 bilaterale

Andamento clinico

Dopo due sedute migliorano le parestesie ma non troppo,  va bene il ginocchio (“la gamba non cede più”) mentre rimane invariata la dorsalgia.

2° diagnosi

La dorsalgia  di solito è un problema di equilibrio antero-posteriore  tra GV e CV.

Terapia

GV 9, CV 4, CV 12, CV 22.

Andamento clinico

La dorsalgia è migliorata  e poi scomparsa dopo due sedute.

La paziente è felice di aver risolto gli altri problemi ma riferisce che il bruciore alle gambe  è sopportabile ma tuttora fastidioso e le impedisce spesso di dormire con frequenti risvegli.

A questo punto con un atto di umiltà voglio ascoltare la signora e provo mettere in relazione le parestesie con le teleangectasie.

Le parestesie,  Ma Mu, sono un sintomo dei meridiani Luo come lo sono anche le teleangectasie (alterazione di Xue Luo) .

Terapia:

 Scelta dei luo in base alla palpazione del punto e al decorso dei meridiani Luo lungo le teleangectasie.

Ø      Lr 5,  Lr 12 (Luo speciale del fegato), St 40.

Andamento clinico

Dopo due sedute non si notano variazioni dei sintomi.

Le parestesie scompaiono improvvisamente dopo la terza seduta quando ai punti detti aggiungo il sanguinamento dei capillari delle teleangectasie.

 C’è qualcuno che ha esperienze simili con il sanguinamento dei capillari?

 

 

Dante De Berardinis




[1] Le barriere energetiche non fanno parte della M.T.C. ma sono state descritte dal Dr. J.M. Kespi.

Seminari del Dr Dante De Berardinis

Prossimi incontri-seminari del Dr. Dante De Berardinis

 Info: 0861 752483  Mail: drdante@alice.it 

    Villa Rosa di Martinsicuro (TE)  12-13-14 Ottobre

2° incontro degli iscritti al Blog dei casi clinici di agopuntura

Programma:

Venerdì 12 ottobre ore 14-19: Seminario sul Piccolo Intestino

Relatore : Dr. Dante De Berardinis

Sabato ore 8.30 – 19: Racconti di casi clinici

Relatori: 16 tra i maggiori agopuntori Italiani

Domenica ore 8.30-13: Novità di fisiopatologia in agopuntura

 

Info: drdante@alice.it

Tel. 0861 752483 

 

Chiasso (Svizzera) 3-4 Novembre 2012  

A.M.O. Accademia di Medicine Orientali

·       Introduzione alla Psichiatria: Cuore e Piccolo intestino 

Sede: Hotel Moevenpick, Piazza Indipendenza

Info: 348 6534774 (Per chi telefona dalla svizzera 0797384564)

E-Mail: info@accademiadimedicineorientali.it

www.accademiadimedicineorientali.it

  

Firenze 17 Novembre 2012

 

 · Clinica dei meridiani Luo Longitudinali

 Per iscrizioni rivolgersi a  Marco Montecchi. Cell. 3478244864

 Info: drdante@alice.it

Te. 0861-752483

  

Firenze: 09-10 Marzo  2013 

  • Le malattie dell’apparato digerente
  • Il trattamento dell’eccesso alimentare e obesità

 Presso la Scuola di Agopuntura Città di Firenze

Via San Giusto,2, 50143 Firenze

Tel. 055 70 41 72

Info: e-mail: agopuntura@yahoo.it

     

Palermo  09 Febbraio  2013  

 Scuola Xin Zhu Palermo

·         La fisiologia della “Scuola della terra” e della “Scuola della ginecologia”.

·         Le “barriere” in agopuntura

Info: D.ssa Testa cell. 3663773591

E-Mail:elletesta@virgilio.it

Info: drdante@alice.it

 

Roma 16 Febbraio 2013

Scuola Xin Shu-AMSA Roma

 La fisiologia della “Scuola della terra” e della “Scuola della ginecologia”.

 

Info: drdante@alice.it

Tel. 0861 752483

 

 

 

Palermo   06-07 Aprile 2013  

 Scuola Xin Zhu Palermo 

 ·         Infertilità nella donna

·         Infertilità maschile: Oligo-astenospermie

·         Problemi della gravidanza

·         Il parto in agopuntura

·         Problemi del post-partum

·         Problemi dall’allattamento

Info: D.ssa Testa cell. 3663773591

Info: drdante@alice.it

 E-Mail: elletesta@virgilio.it

 

 

 

Genova   11-12 Maggio 2013  

 A.M.A.L

Argomento da definire