Il terremoto nella vita

Motivo della consultazione

Donna di 51 anni, nubile,  viene in studio per un dolore lombosacrale irradiato posteriormente fino al perineo dove acquista le caratteristiche di dolore urente,  inizia tre  anni fa in seguito a una leucemia che adesso è in stato di remissione.

Il dolore migliora col movimento e peggiora da ferma o seduta.

Il dolore è solo diurno e tutto passa la notte mentre dorme.

Il sonno è normale, non ricorda di sognare,  ma al mattino, appena si sveglia, deve alzarsi: non riesce a stare a letto da sveglia.

 

Anamnesi

Ricorda di essere stata traumatizzata all’età di 5 anni nel sentire i genitori che si “amavano” di notte. Fino a 17 anni, quando muore il padre, reagiva con il silenzio ad ogni tipo di emozione.

Era innamorata del padre.

La sua depressione inizia a 17 anni  dopo la morte del padre. Viene diagnosticata una sindrome bipolare con sintomi come amenorrea ed anoressia.
La depressione stessa è stata usata,  poi, per tutta la vita, come scusa  per non trovare amicizie.
Freddolosa. Ricorda che ha sentito molto freddo per un anno dopo la morte del padre.
Angoscia sul petto con molti sensi di colpa
Ha bloccato ogni tipo di emozione soprattutto le volte che le capitava di innamorarsi.

Autoerotismo.

Da un po’ di tempo segue un cammino religioso.



Diagnosi

·        Yang Qiao Mai e non superamento delle “porte”

Terapia

·        BL61, Pu Shen, Porta dei talloni

·        BL59, Fu Yang, punto Xi di Yang Qiao Mai

·        GB29, Ju Liao, Porta dell’umanità

·        SI10, Nao Shu, Porta delle spalle

·        GV15, Ya Men, Porta del mutismo

·        BL1,  Jing Ming, Riunione con Yin Qiao Mai

Andamento clinico

 

Dopo la prima seduta la pz racconta  un lieve miglioramento del dolore lombosacrale e soprattutto del bruciore perineale.

Ha la sensazione di sentirsi meglio a livello generale: più forza, meno depressa.

Dopo la seconda seduta permane solo una sensazione di lieve dolore bruciante a livello dell’articolazione sacro-coccigea. Riesce a guidare la sua auto e a rimanere seduta. Non ha più la sensazione di vertigine che avvertiva quando si alzava da una poltrona.

La cosa straordinaria è che per tutta la settimana ha sognato e ricorda in particolare:

1)     Un’amica intima la lascia da sola sulla strada dove vi è  un incidente e una persona che non conosce stava morendo e perdendo molto sangue

2)     Un’altra amica che non vedeva da 7 mesi, da quando aveva lasciato il lavoro per malattia, l’ha incontrata e l’ha salutata  freddamente e nel sogno si è sentita offesa.

Dopo la terza seduta scompare il dolore urente al perineo e permane solo un indolenzimento a livello dell’articolazione sacro-coccigea.

Ha sognato molto in particolare una scala molto lunga che doveva salire ma  l’ultimo gradino le sembrava impossibile da superare. Poi qualcuno ha dato una  spinta ed è riuscita a salire in un luogo dove si trovavano gli amici del padre che aspettavano  lei per preparare loro da mangiare.

Alla 4° seduta ho trattato il punto  CV23, Lian Quan: la porta che avevo dimenticato di trattare.

Lian Quan è il punto che governa, secondo J.M.Kespi[1],  “la porta delle tonsille, permette di entrare nel palazzo della bocca, si abbandona la maschera e si ritrova il  vero volto” (il volto è il luogo dove si manifesta lo Shen ming, la luce del Cuore).

Scompare il dolore residuo sacro-coccigeo.

Adesso penso di continuare la terapia con il punto GB29 e lo Yang Wei Mai per stimolare la paziente a riprendere in mano il suo Ming e riprogrammare la sua vita.

Discussione

(Premetto che quello che segue è una mia interpretazione e, come tale, è possibile che sia completamente falsa.)

Tutto il “progetto di vita”, Ming, della paziente  è stato bloccato dal trauma subito dai genitori e da alcune violenze subite da terzi (che poi ha ricordato). Come ci ricorda il Nan Jing quando avviene un trauma così grave , una violenza,  la morte del padre,  è come se si perdesse tutto (come un terremoto) allora entrano in gioco i meridiani Qiao Mai e in questo caso  Yang Qiao Mai.

Dapprima, tutto è stato contenuto ed arginato dalla Yang Qiao Mai che ha assorbito il trauma e lo ha portato al Cervello (BL1) causando la  sindrome depressiva nei suoi vari aspetti, poi, alla menopausa, quando la Yuan Qi fisiologicamente va in deficit, lo Yang Qiao non è riuscito più a tenere in latenza il Fattore Patogeno che viene deviato nel midollo e compare la leucemia che ha costretto la paziente a lasciare il suo lavoro che era l’unica proiezione del suo Ming (da lei fabbricato ma fuori dalla sua natura).

Dopo il racconto dei sogni mi ha chiesto se i sogni avessero un significato. Alla domanda mi sono arrampicato sugli specchi e ho risposto: “Nel sogno ogni personaggio che noi vediamo è un aspetto di noi stessi che proiettiamo nella scena. La sua amica è una persona che conosce, quindi, rappresenta un sentimento (cosciente, sangue)  ed è  la sua malattia che se ne andata. La persona che non conosce (non cosciente, liquidi)  che sta morendo perde sangue e quindi potrebbe essere il simbolo delle sue emozioni represse e nascoste nell’inconscio che vengono fuori  prendendone coscienza.

I sintomi sono stati spiegati come non superamento delle porte.

L’autoerotismo indica il non superamento della porta dei talloni così come era chiaro dal complesso di Edipo e dalle vertigini che avvertiva quando passava dalla posizione seduta a quella in piedi. BL1, porta dell’umanità, rappresenta, infatti, il passaggio dalla posizione quadrupede a quella bipede.

Il dolore bruciante lombare e perineale era il modo con cui il corpo avvertiva che la porta delle anche, la scelta sessuale,  non era stata superata.

Il suo atteggiamento religioso è una specie di auto trattamento dettato dalla difficoltà nel superare la porta delle clavicole-spalle.

 Reagire con il silenzio alle emozioni prima della morte del padre indicava già un blocco della porta del mutismo.

Nel trattare le porte ho dimenticato di trattare la porta delle tonsille, CV23 e così la paziente sogna di non poter salire l’ultimo gradino dove poi sale con la spinta di qualcuno per arrivare in un luogo sconosciuto dove c’erano gli amici del padre, gli adulti e lei doveva preparare da mangiare. Veramente straordinario: il sogno ha cercato di indicarmi il punto da trattare CV23, la porta delle tonsille che permette di accedere alla  bocca che serve per mangiare e diventare adulti.

 

Appendice sui meridiani curiosi e i traumi

Nel Nan Jing i Meridiani Curiosi sono paragonati a dei laghi mentre i meridiani principali principali ai fiumi. Quando un grave trauma affettivo o sociale colpisce la persona questi viene scaricato non nei soliti Luo o distinti ma direttamente nei meridiani curiosi, passa alla costituzione, al Jing.

Di seguito la trascrizione-traduzione di un brano della lezione di Jeffrey Yuen sul Nan Jing tenuta a Roma presso Xin Shu (Scuola Italo-Cinese di Agopuntura), dove parla della relazione tra i traumi gravi e i meridiani curiosi.

 

“Allora facciamo un esempio dell’uragano Sandy: stiamo lavorando con i residenti, c’è un gruppo che si chiama agopuntori senza frontiere, e quindi questo gruppo è stato mandato in questi punti critici come New York, dove abbiamo avuto degli incendi provocati da guasti elettrici che hanno bruciato un centinaio di case, quindi possiamo dire che queste persone sono state inondate, e ora non sanno come reagire, come gestire queste circostanze della loro vita, dobbiamo innanzitutto considerare a che stadio è il trauma, se siamo in una fase iniziale o acuta allora ci occupiamo essenzialmente dei meridiani Qiao, questi Qiao rappresentano il trauma che entra a livello del Jing, quindi abbiamo tra questi residenti persone che non riescono più a dormire, che non fanno altro che pensare alla distruzione delle loro casa, o al contrario persone che si rifugiano in un’estrema negazione di tutto ciò che è avvenuto dormendo tutto il tempo e molto depressi, in questo caso sceglieremo nel primo lo Yang Qiao Mai e nel secondo lo Yin Qiao Mai, o quello che è successo con il terribile terremoto dell’Aquila di qualche anno fa, nel momento dell’emergenza si sarebbe ricorsi ai meridiani Qiao. Nella fase intermedia cioè il momento in cui le persone si riorganizzano, in cui cercano delle risorse, in cui cercano di riportare la vita ad un certo livello di normalità, quindi sono persone che stanno cercando di ricostruire ma non sono necessariamente in grado di compiere un lavoro fisico, quando siamo in fase intermedia ci rivolgiamo ai meridiani di prima generazione, alcuni di noi possono aver perso tutti i loro beni quindi tutto il loro Yin , in questo caso si lavorerà di più sul Ren Mai, o per esempio qualcuno ha subito un incidente particolare per cui si ritrova senza braccia e magari era un concertista di piano, quindi si è persa la capacità di poter fare quella che era la cosa principale della vita,  lo vediamo come Yang e quindi useremo Du Mai, quindi fase iniziale acuta meridiani Qiao, mentre nella fase di accettazione si utilizzeranno meridiani della prima generazione, o magari se c’è stato un trauma che riguarda entrambe le cose la perdita di beni e di possibilità di azione si usa il Chong che li comprende entrambi, nella terza fase in cui andiamo verso una riabilitazione quindi ricostruire la propria casa il proprio vicinato, la fase in cui ci si sta lentamente reintegrando nella società, alcuni potranno essere ancora sopraffatti da ciò che è accaduto che avranno paura di lasciare le loro case, quando dall’origine emerge questo flusso che tenta di orientare la persona nella vita di farla reintegrare bisogna favorire questo processo attraverso i Wei Mai, per esempio la persona che ha perso le braccia ha messo delle protesi, e anche se non potrà più suonare il piano come faceva prima, pero il mondo non è fatto solo dal pianoforte il mondo è fatto da ciò che ci circonda e c’è il bisogno di tornare in questo mondo, questa è la condizione in cui si lavorerà con gli Wei, lo Yin Wei ha più a che vedere con l’incapacità di dimenticare e di perdonare, ricordiamo che il perdono e il modo per difendere se stessi, il perdono non serve a nessun altro se non a se stessi, e perdonando si dà a se stessi il permesso di andare avanti, quindi se non riusciamo a perdonare Dio o chi per lui, di averci mandato l’inondazione, qualsiasi scusa possiamo trovare per rimanere chiusi in questa situazione, in questa condizione è utile utilizzare lo Yin Wei Mai, oppure ci si sta reintegrando nel mondo ma si è particolarmente impazienti, quindi si è ancora zoppicanti si muovono le mani e per esempio ogni volta che piove non si vuole uscire di casa, l’incapacità di far qualcosa della propria vita a questo punto sarà più un quadro da Yang Wei Mai, questa è la modalità con cui si guarda al reintegro e riguarda gli stadi finali del trauma, quindi questi punti possono essere utilizzati sia per la condizione acuta sia per la condizione cronica.

 Quando la vita viene colpita da un “terremoto”, devastata da eventi naturali o pisco-affettivi bisogna pensare e trattare alla funzione dei meridiani curiosi di di difesa in modo che pla persona possa portare a termine il Ming (progetto di vita).

 Dr. Dante De Berardinis

 

P.S. Si prega di partecipare alla discussione. Grazie. 

 

 




[1] Acupuncture pag. 228